Gnocchi – Senza Glutine – fatti in casa

I pranzi domenicali al sud sono una tradizione.  D’obbligo restare in famiglia, aspettare i ritardatari e far iniziare il pranzo non prima delle 14.30.

O preparare mille varianti perché “C’era un vegano, un vegetariano e un celiaco” – il nuovo inizio delle migliori barzellette a sfondo culinario.

E così, da 7 anni, testiamo ricette, cambiamo le dosi, aggiungiamo ingredienti per poi eliminarli subito.

Pazienza è l’ingrediente fondamentale quando si impastano pane, pizza e pasta. Mai sentito dire che il glutine è il collante migliore? Beh, farne a meno rende la lavorazione più difficile, ogni tentativo un momento magico.

In realtà, tornando indietro nel tempo, ricordo ancora quando nonna mi insegnava a cucinare, mi guidava nei primi passi. Per lei il necessario era l’amore, poi il resto veniva da sé. Se c’è amore trovi il tempo, la giusta concentrazione e la pazienza.

Se c’è amore non c’è fretta e non c’è noia.

E forse parte di quest’amore si può quantificare la domenica mattina, quando potresti restare a letto a dormire o sul divano a guardare un film, invece metti a bollire le patate, prendi il tagliere, la farina e impasti gli gnocchi.

L’amore è in 1kg di gnocchi? O nel voler vedere un grande sorriso sulla faccia degli altri, quando ti trovano in cucina con le mani sporche di farina?

RICETTA PER 1 kg di Gnocchi

  •  500 di Patate
  • Farina di Riso – quanto basta – io uso quella della Nutri-Free
  • 1 Uovo
  • Sale

“Must have” delle patate:

Devono essere cotte rigorosamente con la buccia in modo che non assorbano troppa acqua;

Non devono avere la buccia sottile e lucida tipica delle patate ‘fresche’

Fatele bollire in una pentola di acqua salata.

Una volta cotte, fatele raffreddare fuori dall’acqua, sbucciatele e passatele nello schiacciapatate. Così dovreste ottenere un impasto a cui potete aggiungere l’uovo.

La farina va aggiunta poca per volta, durante la lavorazione dell’impasto, in modo che non sia appiccicoso.

Le dosi della farina possono variare e, all’occasione, se si ritiene che l’impasto abbia una consistenza troppo umida, se ne può aggiungere un po’ – quanto ritenete necessario.

A questo punto dividere l’impasto in più palle e formare con ognuna di queste del filari di un paio di cm di diametro.

Con il coltello tagliate in più parti il filone per ottenere gli gnocchi.

A questo punto potete decidere se decorare gli gnocchi ottenuti.

Per la cottura:

Colateli in acqua bollente già salata, quando salgono a galla sono pronti per essere scolati e conditi a piacere!

Cynthia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto